*Scroll for English

Mai tradire la tua ragazza, ecco perché - Sicilian edition: la leggenda delle Teste di Moro

Sembra strano pensare che le Teste di Moro abbiano qualcosa da raccontarci su un argomento (sempre attuale) come il tradimento. Questi volti di giovani uomini e donne, che rappresentano un vero e proprio vanto della ceramica siciliana, si trovano un po’ ovunque sull’isola, in bella mostra sui balconi o sulle terrazze. Sono un elemento così tradizionale che non si pensa spesso alla storia che si portano dietro. Eppure ce l'hanno eccome. La loro è una storia di amore e vendetta, delle conseguenze "imprevedibili" (per usare un eufemismo) a cui può portarti il tradire e l'esser tradito.
Immergiamoci quindi nella loro storia e scopriamo perché non dovreste mai tradire la vostra ragazza, specie se siciliana.

Secondo la leggenda, durante la dominazione dei Mori in Sicilia, viveva a Palermo una bellissima ragazza, nel quartiere della Kalsa. La ragazza conduceva una vita molto tranquilla prendendosi cura delle sue piante, che amava molto.
Si racconta che un giorno, un giovane Moro che passava di lì la vide e se ne innamorò all’istante. Come nella più classica delle favole, la ragazza fu così colpita dalla sua dichiarazione e dalla sua ardente passione che lo amò immediatamente a sua volta. La loro “favola” era tuttavia destinata a finire prima ancora di cominciare.
Il giovane Moro aveva infatti un segreto, che rivelò presto alla ragazza: non poteva restare con lei dal momento che aveva una famiglia - una moglie e un figlio - che lo attendeva in patria, e doveva tornare da loro.

La giovane fanciulla si sentì così tradita e adirata a questa rivelazione che l’amore si trasformò presto in desiderio di vendetta nei confronti dell’uomo, che non solo le aveva mentito, ma voleva anche lasciarla.
Mise così a punto un piano diabolico: aspettò che il suo innamorato, ignaro del destino che lo attendeva, si addormentasse, dopodichè lo uccise e gli tagliò la testa, sicura che in questo modo lui non l’avrebbe mai lasciata. Una soluzione fai-da-te pratica e veloce insomma.
Per dimostrare che poteva ancora prendersi cura di lui (o della sua testa), trasformò la testa in un vaso e vi piantò dei semi di basilico, pianta considerata simbolo di regalità. Il basilico fiorì rigoglioso e, esposto in bella vista sul suo balcone, attirò l’attenzione dei passanti, catturati dal profumo della pianta. Colpiti dalla bellezza di questo “vaso” a forma di testa di moro, molti decisero di farsene fare delle copie in terracotta, che a sua volta esposero con orgoglio sui loro balconi. Una tradizione che - come sappiamo bene - sopravvive ancora oggi. 

A onor del vero, esiste una versione leggermente diversa di questa leggenda, più romantica se volete, nel senso tragico del termine. Secondo questa versione, la ragazza apparteneva a una nobile famiglia e la relazione con il giovane Moro fu clandestina. Quando poi i due innamorati furono scoperti, furono entrambi decapitati e le loro teste esposte come monito a chiunque di non lasciarsi andare a passioni “sconvenienti”.

La prima versione è probabilmente la più famosa. Dopotutto, la morale "mai tradire la tua ragazza, o potresti ritrovarti con dei semi di basilico piantati in testa" suona decisamente più intrigante di "non lasciarti andare a passioni sconvenienti".

Sia come sia, adesso sapete perché le Teste di Moro si trovano davvero ovunque, e perché, ancora a distanza di così tanto tempo, è rimasta l'usanza di esporle con orgoglio. Sono simboli molto forti della cultura siciliana e ispirano costantemente artigiani e artisti. Molto spesso vengono reinterpretate e rinnovate, nella forma o nei colori, per unire il passato e le sue tradizioni alla creatività del futuro. Anche noi abbiamo degli esempi da proporvi in questo senso, in particolare due collezioni:

  • Don Corleone objects, che attinge ai colori brillanti tipici della ceramica siciliana unendoli a idee creative e innovative. Le Teste di Moro (come quella dell'immagine in alto) sono una sintesi perfetta di questa combinazione, con i loro colori accessi e le linee geometriche che ricordano quasi Picasso o il siciliano Giovanni De Simone.
  • Folk Lavastone, che sfrutta la maestria del lavoro artigianale per creare Teste di Moro ricche di dettagli fatti a mano e con un tocco pop, dato dai colori usati per decorarle.

    ENG

    Here's why you should never cheat on your girlfriend - Sicilian Edition: the legend of the Moorish Heads

    If you came to Sicily at least once, you probably noticed that there are these weird-looking vases shaped like heads ... well, pretty much everywhere. They're the Moorish Heads and, despite the fact that it's hard to think they might have something to say about betrayal, they actually have a pretty good story to tell. It's a tale of love and revenge, of the "unexpected" consequences (to put it nicely), that betraying or being betrayed can sometimes bring to you, if you're not careful. Let's dive into their legend then and let's find out why you should never cheat on your girlfriend, especially if she's Sicilian.

    According to the legend, there was a young beautiful girl who once lived in Palermo, in an area called Kalsa, at the time of the Moors domination in Sicily. The girl lived a simple life, taking care of her plants, which she loved very much.
    One day, a young Moor who was passing by saw her and immediately fell in love with her. Like in a classic fairytale, the girl was so struck by his confession and his passion that she instantly loved him back. However, their fate wasn't to live happily ever after. The young Moor had a secret, that she soon found out: he had family back in his country, a wife and a child, and he coudn't stay with her because he had to go back to them.

    Learning the bitter truth, the girl felt betrayed and angry: not only her love had lied to her, but he was going to leave her for someone else! Her love soon turned into a desire for revenge. She schemed an evil plan: when the man - unaware of his fate - fell asleep, she killed him and cut his head off. This way she was sure he would never leave her. The perfect do-it-yourself solution, some might say.
    She turned his head into a vase and planted basil seeds in it, to show that she could still take care of him. Then she displayed it on her balcony. The basil bloomed wonderfully and attracted the attention of the people who passed by with its intense scent. They saw the “vase” and thought it was beautiful, so many of them had copies made of it in terracotta, to be displayed in turn on their balconies and terraces. A tradition which - as you can very well see for yourselves - survives up to this day. They have become traditional pieces of Sicilian pottery - a true pride of Sicilian craftsmanship,  displayed on balconies and terraces.

    To tell the whole truth, there is a slightly different version of this legend, a more tragically romantic one. According to this version, the girl belonged to a noble family and the relationship with the young Moor was kept secret. When the girl’s family found out however, the two lovers were killed and beheaded, and their heads were displayed as a warning to others not to fall prey to “improper” passions.

    The first version is the most famous one though (you can easily guess why). The lesson " don't cheat on your girlfriend or you might find yourself with some seeds planted in your head" sounds a bit more entertaining than "don't let yourself be carried away by improper passions".

    Whatever the story though, what has survived over the centuries is the strength of this symbol and the endless creative inspirations it gave - and still gives - life to. It’s not by chance that the collections we have here represent - each one in their own way - a creative and modern reinterpretation of an ancient tradition which managed to survive and remain strong till today.

    • Don Corleone objects draws from the bright colors used in traditional Sicilian ceramic: red, green, yellow, blue, etc, and combines these colors with new creative ideas. The Moorish Heads (like the one on top) are a perfect sum of this combination, with their geometrical lines and features which almost remind of Picasso or the Sicilian artist Giovanni De Simone.
    • Folk Lavastone combines the excellent handiwork of skilled artisans to create Moorish Heads full of handmade details and with a “pop” twist, given by the colors used to paint them.



      Panaro

      Questo sito utilizza cookies per garantire la miglior esperienza di navigazione.
      Ok, avanti!
      How can we help you?